Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità

fitosorveglianza

Documentazione

In Italia

 

Safety of complementary and alternative medicine in children. A 16-years retrospective analysis of the Italian Phytovigilance system database

Articolo pubblicatosu Phytomedicine a febbraio 2019 che riporta i dati uno studio condotto dall’Istituto superiore di sanità (Iss) in collaborazione con il Centro di riferimento regionale in fitoterapia (Cerfit) di Careggi e l’Università di Firenze. L’indagine ha analizzato le segnalazioni di sospette reazioni avverse a prodotti di origine naturale utilizzati nella popolazione pediatrica e pervenute in 16 anni di attività al Sistema italiano di fitovigilanza. Lo studio ha raccolto i dati relativi alle caratteristiche demografiche dei pazienti, al prodotto assunto, ai farmaci concomitanti e a patologie preesistenti, allo scopo di valutarne il ruolo come potenziali fattori predittivi della gravità della reazione avversa. Leggi l’articolo completo “Safety of complementary and alternative medicine in children. A 16-years retrospective analysis of the Italian Phytovigilance system database” e la riflessione di Francesca Menniti Ippolito (Centro nazionale per la ricerca e la valutazione preclinica e clinica dei farmaci, Iss).

 

Adverse reactions to dietary supplements containing red yeast rice: assessment of cases from the Italian surveillance system

Articolo pubblicato a gennaio 2017 sul British Journal of Clinical Pharmacology, vengono riportati i risultati di uno studio che ha approfondito il profilo di rischio degli integratori contenenti riso rosso fermentato attraverso l’analisi delle segnalazioni spontanee di sospette reazioni avverse pervenute al sistema di fitosorveglianza coordinato dall’Iss. Leggi l’approfondimento a cura di Francesca Menniti-Ippolito e di Roberto Da Cas (Istituto superiore di sanità).

 

Linee guida sugli integratori per i nutrienti e le altre sostanze diverse da vitamine e minerali (pdf 17 kb)

Aggiornate dal ministero della Salute a luglio 2012, le linee guida trattano: aminoacidi; altre sostanze con apporto massimo giornaliero definito; altre sostanze senza apporto giornaliero massimo definito.

 

Tisane e integratori alimentari, indicazioni per il corretto utilizzo (pdf 39 kb)

Documento pubblicato a marzo 2012 dal ministero della Salute e relativo all'uso di prodotti naturali come tisane e integratori alimentari da parte dei gruppi più vulnerabili della popolazione come bambini e donne in gravidanza o durante l'allattamento. Scarica il documento completo (pdf 39 kb).

 

Elenco piante ammesse negli integratori alimentari (pdf 669 kb)

Documento del ministero della Salute, aggiornato a dicembre 2011. Contiene un elenco delle sostanze e dei preparati vegetali ammessi negli integratori alimentari, fornendo: nome botanico, parti e derivati ammessi, riferimento per gli effetti.

 

Elenco piante non ammesse negli integratori alimentari (pdf 45 kb)

Documento del ministero della Salute, aggiornato a luglio 2009. Contiene un elenco degli estratti vegetali non ammessi negli integratori alimentari.

 

Decalogo di informazione al cittadino

Documento a cura dell’Istituto superiore di sanità, in collaborazione con la Società italiana di farmacologia, con il Centro di medicina naturale della Asl 11 di Empoli e con il Centro Antiveleni dell'ospedale Niguarda Ca'Granda di Milano. Il decalogo informativo, pubblicato a febbraio 2010 e disponibile in forma di locandina (pdf 118 kb) e brochure (pdf 731 kb), si rivolge a operatori sanitari e cittadini e contiene informazioni sui possibili rischi associati all’utilizzo dei prodotti di origine naturale. Leggi l’approfondimento e i commenti degli esperti: Fabio Firenzuoli (Responsabile del Centro di Medicina Naturale Ospedale S. Giuseppe, Empoli), Franca Davanzo e Paola Angela Moro (Centro Antiveleni di Milano A.O. Ospedale Ca’Granda, Milano), Achille P. Caputi (Dipartimento Clinico e Sperimentale di Medicina e Farmacologia, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Messina).

 

TOP