ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Ultimi aggiornamenti

3/6/2021 - BeBa: un’app per promuovere stili di vita salutari nei bambini

Il 27 maggio 2021 è stata presentata l’app BeBa (Benessere Bambini), realizzata dall’AUSL di Reggio Emilia, dall’Università di Bologna e da Lepida, per promuovere stili di vita sani nei bambini e prevenire l’obesità attraverso il coinvolgimento della famiglia. L’app è indirizzata ai genitori per evitare qualsiasi incentivo all’uso dei dispositivi da parte dei bambini. Offre guide per lo sviluppo della genitorialità che vengono inviate in modo mirato a seconda dell’età dei bambini; news e consigli per promuovere la lettura, l’ascolto di musica, l’attività fisica e una sana alimentazione; offre inoltre una mappa delle opportunità per fare movimento in modo inclusivo costruita in collaborazione con i comuni e le società sportive della provincia di Reggio Emilia; un ricettario per stimolare le famiglie a cucinare pasti equilibrati e sani; infine delle indicazioni pratiche su cosa fare in caso di incidente o di sintomi nel bambino. Per maggiori informazioni leggi il commento di Paolo Giorgi Rossi e Laura Bonvicini (AUSL di Reggio Emilia).

 

13/5/2021 - Sorveglianza pediatrica COSI: i dati 2015-17

È online il rapporto finale sulla quarta raccolta dati di COSI (Childhood Obesity Surveillance Initiative) effettuata nelle scuole primarie di 36 Stati nel periodo 2015-17. In generale la prevalenza dell’eccesso ponderale (che include sovrappeso e obesità) era del 29% tra i bambini e del 27% tra le bambine di 7-9 anni; l’obesità interessava il 13% dei bambini e il 9% delle bambine. Per i dettagli nazionali vai alla pagina dedicata.

 

18/3/2021 - Salute dei bambini europei: i dati della Sorveglianza di popolazione COSI

In Europa, ogni giorno, il 78,8% dei bambini tra i sei e i nove anni fa la colazione, il 42,5% consuma frutta fresca e il 22,6% consuma verdura. Il 50% si reca a scuola a piedi o in bici e il 60,2% trascorre meno di due ore al giorno di fronte a un dispositivo elettronico. Sono alcuni dei dati che emergono dalle nuove fact sheet pubblicate dall’OMS Europa sulla base dei dati 2015-17 della Sorveglianza pediatrica COSI. Leggi di più nell’approfondimento.

 

11/3/2021 - COVID-19 e obesità: l’Atlante 2021 della World Obesity Federation

La comunità scientifica internazionale considera ormai l’obesità sia come una malattia a sé stante sia come una condizione che aumenta la probabilità di sviluppare una vasta gamma di malattie croniche. Meno noto è, però, il fatto che una condizione di obesità accresce anche l’eventualità che le malattie infettive portino a gravi conseguenze. Questo è diventato ancora più evidente durante la diffusione globale del virus SARS-CoV-2 e nella conseguente pandemia di COVID-19. In occasione dell’edizione 2021 della Giornata mondiale contro l’obesità (4 marzo), la World Obesity Federation ha pubblicato il rapporto “COVID-19 and Obesity: The 2021 Atlas. The cost of not addressing the global obesity crisis - March 2021” in cui, attraverso una dettagliata analisi di dati sottoposti a peer review, si mostra come l’eccesso di peso sia un fattore predittore altamente significativo dello sviluppo di complicanze da COVID-19, inclusa la necessità di ricovero, di terapia intensiva e di ventilazione. Leggi l’approfondimento.