ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Ultimi aggiornamenti

6/5/2021 - Accordo di collaborazione ISS-UNICEF

Ricerca tecnico-scientifica, formazione su scala nazionale, pre-service e in-service, interventi per la tutela dei gruppi di popolazione ad aumentata vulnerabilità, supporto alle Regioni per il raggiungimento degli obiettivi del Piano Nazionale/Piani Regionali della Prevenzione: sono questi gli obiettivi principali del nuovo accordo di collaborazione tra Istituto Superiore di Sanità e Comitato Italiano per l’UNICEF – Fondazione Onlus di durata triennale. La collaborazione si propone, inoltre, di capitalizzazione l’esperienza maturata in ambito di ricerca e formazione, con la proposta e trasferimento dei modelli formativi prodotti ad altri contesti dell’area WHO Europa, in collaborazione con la rete dei Collaborating Centre WHO. Per maggiori informazioni visita il sito ISS.

 

18/2/2021 - Rapporto ISS-COVID per gravidanza, parto, allattamento e cura dei piccolissimi di 0-2 anni

È online l’aggiornamento del rapporto ISS-COVID numero 45 dedicato alle pratiche clinico-assistenziali appropriate per la presa in carico del percorso nascita in donne con infezione sospetta o confermata da virus SARS-CoV-2. Il testo sintetizza le evidenze allo stato attuale nella forma editoriale di una guida ad interim. Per maggiori informazioni scarica il documento dal titolo “Indicazioni ad interim per gravidanza, parto, allattamento e cura dei piccolissimi di 0-2 anni in risposta all’emergenza COVID-19. Versione 5 febbraio 2021” (pdf 1,7 Mb) e consulta la sezione dedicata a COVID-19, gravidanza, parto e allattamento.

 

11/2/2021 - COVID-19 e maternità: la separazione mamma-neonato

Disponibili online i primi dati del COVID Mothers Study, una ricerca internazionale multicentrica a cui ha preso parte anche l’ISS: quasi il 60% delle madri COVID positive che sono state separate dai loro neonati, hanno riferito di essersi sentite molto angosciate e, una volta riunite ai piccoli, il 29% non è stata in grado di allattare, nonostante innumerevoli tentativi. Di contro, fra i bambini allattati le cui mamme COVID positive hanno praticato il contatto pelle-a-pelle e il rooming-in è stato riscontrato un rischio ridotto, non significativo, di ospedalizzazione. Solo il 7,4% dei neonati con più di tre giorni è risultato a sua volta positivo. Per maggiori informazioni leggi il comunicato stampa ISS e la pagina di EpiCentro dedicata al COVID Mothers Study.

 

14/1/2021 - Allattamento e formazione di personale sanitario e studenti

Il 26 novembre 2020 è stato pubblicato “Raccomandazioni del Tavolo Tecnico Operativo Interdisciplinare sulla Promozione dell’Allattamento (TAS), delle Società scientifiche e degli Ordini e delle Associazioni professionali” un documento di consenso sulla formazione in allattamento per gli operatori sanitari promosso dal Tavolo Tecnico Allattamento (TAS) del ministero della Salute. Il documento identifica i bisogni formativi minimi in allattamento sia dei corsi universitari delle professioni sanitarie (formazione pre service), sia di quelli della formazione in service, successiva all’inserimento nel mondo del lavoro. Leggi il commento di Riccardo Davanzo (Presidente del TAS).

 

14/1/2021 - Progetto IMAgiNE EURO

Da settembre 2020 è possibile partecipare al progetto internazionale IMAgiNE EURO per migliorare la qualità delle cure materno-neonatali nella Regione europea dell’OMS. Il progetto è rivolto alle neo-mamme che hanno partorito, in qualsiasi ospedale italiano, da marzo 2020, e a loro si chiede di rispondere a un questionario anonimo online (è in fase di validazione anche un questionario dedicato al personale sanitario). I dati raccolti saranno utilizzati per migliorare la qualità delle cure ospedaliere e aumentare la fiducia che le donne hanno nei servizi ospedalieri a loro dedicati. Leggi l’approfondimento scritto dalle ricercatrici dell’IRCCS Burlo Garofolo di Trieste.

 

9/1/2021 - Vaccinazione contro il COVID-19 in gravidanza e allattamento

La preoccupazione di sottoporsi a una vaccinazione in gravidanza e allattamento, in assenza di dati di sicurezza ed efficacia dei vaccini contro COVID-19 per questo target di popolazione, è oggetto di dibattito a livello nazionale e internazionale. Un documento pubblicato l’8 gennaio 2021, redatto dall’Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e condiviso e sottoscritto dalle principali società scientifiche del settore, passa in rassegna le indicazioni ad interim, assunte a livello internazionale e nazionale oltre alle evidenze scientifiche emerse fino a questo momento sul tema. L’obiettivo: sostenere i professionisti sanitari e le donne in gravidanza e allattamento nel percorso decisionale durante la pandemia di COVID-19. Leggi l’approfondimento.