ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

HBSC: i risultati dell’indagine 2018 in Molise

Nella Regione Molise, l’indagine 2018 dello studio HBSC (Health Behaviour in School-aged Children - Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare) ha coinvolto 131 classi per la scuola secondaria di I grado (Classe I e III) e 68 classi di per la scuola secondario di II grado (Classe II), per un totale di 199 classi. Considerando anche le classi di riserva utilizzate, hanno restituito i questionari compilati 162 classi, con una rispondenza complessiva dell’81,4%. Lo studio internazionale HBSC, svolto in collaborazione con l'OMS, prende in esame la delicata fase dell'adolescenza monitorando la salute dei giovani italiani di 11, 13 e 15 anni, allo scopo di fornire strumenti utili per la pianificazione delle future politiche educative e di promozione della salute.

 

Dai dati emerge che:

  • Rispetto al contesto familiare la tipologia di famiglia più diffusa in Molise è quella tradizionale caratterizzata dalla coabitazione di entrambi i genitori. Nel 13% dei casi però troviamo famiglie monoparentali, in cui il genitore presente è in genere la madre.
  • L'ambiente scolastico è percepito dagli adolescenti molisani in linea di massima come adeguato alle loro esigenze. Per ciò che concerne il rapporto con i docenti sono gli undicenni a manifestare più fiducia nei confronti del corpo insegnante. Violenza, bullismo e cyber bullismo non risultano essere molto diffusi in Molise.
  • Riguardo all’attività fisica la percentuale di adolescenti che raggiungono il valore raccomandato di almeno un'ora al giorno per 7 giorni a settimana è pari all'11,6% negli undicenni, al 9,6% nei tredicenni e al 6,8% nei quindicenni.
  • Le abitudini alimentari e lo stato nutrizionale dei giovani molisani vengono ben descritti dai seguenti dati: durante la settimana soltanto il 54,5% dei ragazzi assume regolarmente la colazione; il 24,9% di solito inizia la giornata scolastica a digiuno; il 27,3% del campione consuma con frequenza dolci; il 25,87% dei ragazzi è in sovrappeso o obeso mentre il 71,5% è normopeso.
  • L'analisi dei comportamenti di dipendenza mette in luce che il numero dei fumatori aumenta con l'avanzare dell'età, passando dal 14,8% degli undicenni al 19,4% dei tredicenni fino al 48,2% dei quindicenni. Inoltre, a quindici anni ben il 74,3% dei ragazzi ha provato almeno una volta l'effetto dell'alcol. Il 29% dei quindicenni ha poi fumato cannabis almeno una volta nella vita. Il gioco d'azzardo infine è praticato con maggiore frequenza dai maschi.
  • Circa il 90% degli intervistati si dichiara soddisfatto del proprio stato di salute e benessere. Il 30% dei quindicenni afferma di aver avuto rapporti sessuali completi. Nel 74% dei casi il preservativo resta il metodo contraccettivo più impiegato. Il 46,8% dei ragazzi ha avuto infortuni negli ultimi 12 mesi.
  • I social media sono utilizzati di più con il crescere dell'età. Infine, nove ragazzi su dieci manifestano la forte possibilità di preferire le interazioni sociali online rispetto a quelle di persona.

 

Risorse utili

 

Data di creazione della pagina: 13 maggio 2021

Revisione a cura di: Silvia Andreozzi, Silvia Ciardullo, Paola Nardone – Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute (CNAPPS), ISS