English - Home page

ISS
Istituto Superiore di Sanità
EpiCentro - L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità - EpiCentro

Ultimi aggiornamenti

24/11/2022 - Mortalità materna in Europa: cause e differenze

Il British Medical Journal ha pubblicato uno studio sulla mortalità materna in otto Paesi europei ad alto reddito (Danimarca, Finlandia, Francia, Paesi Bassi, Norvegia, Slovacchia e Italia) che partecipano all’International Network of Obstetric Survey System (INOSS). Il nostro Paese figura per la prima volta tra quelli che dispongono di un sistema di sorveglianza avanzato della mortalità materna grazie ai dati raccolti dalla sorveglianza ItOSS coordinata dall’ISS in collaborazione con le regioni italiane. Nonostante nei Paesi ad alto reddito sia un avvenimento raro, la mortalità materna rimane un indicatore importante della qualità delle cure e dei sistemi sanitari. L’Italia presenta un rapporto di mortalità materna pari a 8,7 morti materne ogni 100.000 nati vivi, analogo alla Francia (8/100.0000) e maggiore rispetto a quello dei Paesi del Nord Europa compreso tra 3 e 7 morti ogni 100.000 nati vivi e inferiore rispetto a UK (9,6/1000.000) e Slovacchia (10,9/100.000). L’indagine ha evidenziato che le malattie cardiovascolari e i suicidi sono la principale causa di morte materna in tutti i Paesi in esame, mentre alcune condizioni patologiche sono cause predominanti solo in uno o due nazioni. Succede con il tromboembolismo venoso in UK e Paesi Bassi, ipertensione nei Paesi Bassi, l’emorragia in Italia e l’infarto in Slovacchia. La raccomandazione degli autori è quella di approfondire i determinanti di queste differenze con l’obiettivo di imparare dalle best practicies nazionali. Allo stesso tempo, le malattie cardiovascolari e la salute mentale delle donne durante e dopo la gravidanza dovrebbero essere le aree a cui dare priorità in tutti i Paesi. Per maggiori informazioni leggi l’articolo completo “Maternal mortality in eight European countries with enhanced surveillance systems: descriptive population based studyBMJ 2022;379:e070621.

 

7/10/2022 - Vaccinazione contro il COVID-19 in gravidanza e allattamento

Il 7 ottobre 2022, l’Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS) - Istituto Superiore di Sanità, ha aggiornato le indicazioni sulla vaccinazione contro il COVID-19 in gravidanza e allattamento a seguito della disponibilità dei nuovi vaccini (seconda dose booster o quarta dose) approvati dal Ministero della Salute anche per questa categoria di persone. Per approfondire leggi la pagina dedicata e il comunicato stampa ISS.

 

30/6/2022 - L’infezione da SARS-CoV-2 in gravidanza: il webinar ItOSS del 23 giugno 2022

Sono stati 200 i partecipanti al webinar “L’infezione da SARS-CoV-2 in gravidanza: studio prospettico dell’Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS)”, che si è svolto il 23 giugno 2022, organizzato dal sistema di sorveglianza della moralità materna dell’ISS . L’obiettivo dell’evento era quello di restituire a clinici e decisori i dati raccolti nell’ambito del progetto e discutere e diffondere le conoscenze disponibili a supporto delle buone pratiche nella gestione delle infezioni da SARS-CoV-2 in gravidanza, al parto e in puerperio. Consulta l’approfondimento e scarica i materiali del webinar.

 

16/6/2022 - Sullo studio prospettico di ItOSS sull’infezione da SARS-CoV-2 in gravidanza

Si svolge il prossimo 23 giugno il webinar organizzato dall’ISS, che ha come obiettivo la restituzione dei dati raccolti nell’ambito del progetto nazionale “L’infezione da SARS-CoV-2 in gravidanza: studio prospettico dell’Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS)” ai clinici e ai decisori. Per approfondire consulta il programma preliminare (pdf 321 kb). Sono disponibili ancora dei posti per partecipare all'evento in modalità videoconferenza, e seguire il webinar in modo interattivo. Gli interessati potranno inviare la domanda di iscrizione al link

Le domande saranno accettate in ordine di arrivo e fino a esaurimento dei posti. Coloro che non si saranno iscritti potranno comunque seguire l'evento in diretta streaming tramite il link:

Adottando questa modalità durante lo svolgimento dell'evento i partecipanti potranno inviare domande ai relatori all'indirizzo di posta elettronica: qa.webinar@iss.it. Per seguire lo streaming si consiglia di utilizzare Chrome o Firefox come browser. In caso di problematiche, utilizzare il link su smartphone o tablet con la propria rete dati mobile disattivando il Wi-Fi; è possibile che vi sia una limitazione sul firewall del proprio Ente o della propria Azienda.

 

21/4/2022 - Materiali del progetto MOVIE

Sono online i materiali didattici e divulgativi messi a punto nell’ambito del progetto “Monitoraggio e valutazione dell’implementazione delle raccomandazioni cliniche organizzative per la gestione delle emergenze ostetriche emorragiche peripartum” (MOVIE). Finanziato dal programma CCM 2018 del ministero della Salute e coordinato dall’Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS), tra il 2019 e il 2021 il progetto ha monitorato l’implementazione delle raccomandazioni cliniche e organizzative per la gestione dell’emorragia del post partum prodotte dall’ISS e dall’AGENAS nelle Regioni Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Campania e Sicilia. Leggi l’approfondimento.

 

24/3/2022 - FaD: risultati preliminari sulla partecipazione

C’è tempo sino a novembre 2022 per partecipare al corso corso FAD gratuito, organizzato dall’Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS) sui temi del tromboembolismo venoso e della patologia cardiaca in gravidanza e puerperio per i profili di medico chirurgo, ostetrico e infermiere. A quattro mesi dal suo lancio 3698 professionisti sanitari hanno già partecipato lasciando commenti molto positivi sull’esperienza formativa (1133 infermieri, 927 medici e 1637 ostetriche) e l’81% ha già acquisito i crediti ECM. Per approfondire vai alla pagina dedicata.

 

27/1/2022 - COVID-19 e vaccinazione in gravidanza: un commento ai dati

All’inizio della pandemia da SARS-CoV-2, le donne in gravidanza e puerperio e quelle che programmavano una gravidanza hanno ricevuto messaggi contrastanti circa l’opportunità di vaccinarsi e, ancora oggi, l’esitazione vaccinale in questa popolazione è forte. È questo il tema del commento “Severe COVID-19 in pregnancy is almost exclusively limited to unvaccinated women – time for policies to change” pubblicato su The Lancet Regional HealthEurope a gennaio 2022. Il testo, al quale ha contribuito anche il gruppo dell’Italian Obstetric Surveillance System (ItOSS) dell’Istituto Superiore di Sanità coordinato da Serena Donati, segnala che durante il periodo della variante Delta, i Paesi dotati di sistemi di sorveglianza che partecipano all'International Network of Obstetric Survey Systems (INOSS) hanno rilevato un aumento dei casi gravi di malattia da SARS-CoV-2 in gravidanza e puerperio e hanno dimostrato che la maggioranza delle donne ricoverate in terapia intensiva non era vaccinata. Nonostante i Paesi aderenti al network INOSS abbiano adottato politiche non uniformi circa i criteri di priorità per l’offerta vaccinale e presentino tassi variabili di accettazione del vaccino in gravidanza, i dati sugli esiti materni dimostrano chiaramente come la vaccinazione protegga dalle forme gravi della malattia da COVID-19. I professionisti sanitari dovrebbero pertanto promuovere la vaccinazione e i governi dovrebbero dare priorità all’offerta vaccinale in gravidanza e puerperio. Leggi il testo completo, pubblicato il 26 gennaio 2022.