ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Ultimi aggiornamenti

21/10/2021 - Online i risultati dell’indagine 2019 in Valle d’Aosta

Nel 2019 nella Regione Valle D’Aosta hanno partecipato all’indagine il 100% delle scuole e il 100% delle classi sui 33 plessi scolastici e sulle 38 classi rispettivamente campionati. Solo il 2,9% dei genitori ha rifiutato la misurazione dei propri figli. Tale dato evidenzia una buona gestione della comunicazione tra ASL, scuola e genitori. Tra i bambini lo 0,2% risulta in condizioni di obesità grave, il 2,5% risulta obeso, l’11,3% in sovrappeso, il 78,2% normopeso e il 7,9% sottopeso. Dall’indagine emerge anche che il 21,9% dei bambini risulta non attivo il giorno antecedente all’indagine. Le femmine non attive (23%) sono in percentuale maggiore dei maschi (21%). Sono alcuni dei dati disponibile nel report regionale dell’indagine 2019. Per approfondire consulta l’approfondimento.

 

16/9/2021 - OKkio alla SALUTE: i dati dell’Asur Marche AV2

Sono disponibili online i risultati dell'indagine relativa al 2019 riguardanti l'Asur Marche AV2. Hanno preso parte all’indagine il 100% delle scuole e il 100% delle classi sui 21 plessi scolastici e sulle 25 classi rispettivamente campionati. Tra i bambini dell'Asur Marche AV2 il 2% risulta in condizioni di obesità grave, il 6,6% obeso, il 24,1% in sovrappeso, il 66,6% normopeso e lo 0,7% sottopeso. Nel complesso il 32,7% dei bambini presenta un eccesso ponderale comprensivo di sovrappeso e obesità. Dal sondaggio emerge che: il 25% dei bambini risulta non attivo il giorno antecedente all’indagine; il 26% ha partecipato ad un’attività motoria curricolare a scuola nel giorno precedente; le femmine non attive (24%) sono in percentuale minore dei maschi (26%); la percentuale maggiore di bambini non attivi risiede in aree geografiche con 10.000-50.000 abitanti (29%). Per approfondire scarica il rapporto completo “OKkio alla SALUTE Risultati dell’indagine 2019 Asur Marche AV2 Ancona, Fabriano, Jesi, Senigallia” (pdf 1,5 Mb).

 

2/9/2021 - Indagine 2019: i dati di Modena e Catanzaro

Sono disponibili online i risultati dell'indagine relativa al 2019 riguardanti le aziende USL di Modena e Catanzaro. Nella AUSL di Modena hanno preso parte all’indagine il 100% delle scuole e il 100% delle classi sui 27 plessi scolastici e sulle 28 classi monitorati. Tra i bambini della AUSL il 2,4% risulta in condizioni di obesità grave, il 6,4% obeso, il 21% in sovrappeso, il 68,4% normopeso e l’1,8% sottopeso. Il 29,8% dei bambini presenta un eccesso ponderale che unisce sovrappeso e obesità. Dal sondaggio emerge che: il 17% dei bambini risulta non attivo il giorno antecedente all’indagine; il 23% ha partecipato ad un’attività motoria curricolare a scuola nel giorno precedente; le femmine non attive (19%) sono in percentuale maggiore dei maschi (15%); la percentuale maggiore di bambini non attivi vive in zone con più di 50.000 abitanti (23%). Nella ASP di Catanzaro hanno partecipato all’indagine il 100% delle scuole e il 100% delle classi sui 27 plessi scolastici e sulle 30 classi campionati. Tra i bambini della ASP il 4,3% risulta in condizioni di obesità grave, l’11,6% obeso, il 25,5% in sovrappeso, il 57,6% normopeso e l’1% sottopeso. Il 41,4% dei bambini presenta un eccesso ponderale che unisce sovrappeso e obesità. Dal sondaggio emerge che: il 25% dei bambini risulta non attivo il giorno antecedente all’indagine; il 15% ha partecipato ad un’attività motoria curricolare a scuola nel giorno precedente; le femmine non attive (28%) sono in percentuale maggiore dei maschi (23%); la percentuale maggiore di bambini non attivi vive in zone con >50.000 abitanti (27%). Per approfondire consulta e scarica i report completi.

 

29/7/2021 - Indagine 2019: i dati delle Marche

Nel 2019 nella Regione Marche hanno partecipato all’indagine il 100% delle scuole e il 100% delle classi sui 107 plessi scolastici e sulle 123 classi campionate. Solo il 4% dei genitori ha rifiutato la misurazione dei propri figli. Tale dato evidenzia una buona gestione della comunicazione tra ASUR, scuola e genitori. Tra i bambini della Regione il 2,3% risulta in condizioni di obesità grave, il 6,6% obeso, il 21,3% in sovrappeso, il 69% normopeso e lo 0,8% sottopeso. Dall’indagine emerge che il 26% dei bambini risulta non attivo il giorno antecedente al monitoraggio. Le femmine non attive (27%) sono in percentuale maggiore dei maschi (24%). È online il report regionale con i dati 2019 delle Marche. Leggi l’approfondimento.

 

22/7/2021 - Indagine 2019: i dati della Puglia

Nel 2019 in Puglia hanno partecipato all’indagine il 100% delle scuole e il 100% delle classi sui 129 plessi scolastici e sulle 149 classi campionate. Solo il 4,2% dei genitori ha rifiutato la misurazione dei propri figli. Tale dato evidenzia una buona gestione della comunicazione tra ASL, scuola e genitori. Tra i bambini della Puglia il 4,8% risulta in condizioni di obesità grave, il 10,3% risulta obeso, il 21,6% in sovrappeso, il 61,2% normopeso e il 2,1% sottopeso. Il 36,7% dei bambini presenta un eccesso ponderale. Dall’indagine emerge anche che il 30% dei bambini risulta non attivo il giorno antecedente al monitoraggio. Le femmine non attive (31,7%) sono in percentuale maggiore dei maschi (27,7%). È online il report regionale con i dati 2019 della Puglia. Leggi l’approfondimento.

 

8/7/2021 - Indagine 2019: i dati del Lazio

Nel 2019 nel Lazio hanno partecipato all’indagine il 100% delle scuole e il 100% delle classi sui 161 plessi scolastici e sulle 177 classi campionate. Solo il 5,5% dei genitori ha rifiutato la misurazione dei propri figli. Questo dato evidenzia una buona gestione della comunicazione tra ASL, scuola e genitori. Tra i bambini della Regione il 2,8% risulta in condizioni di obesità grave, il 6,3% obeso, il 21,7% in sovrappeso, il 67,7% normopeso e l'1,6% sottopeso. Il 30,8% dei bambini presenta un eccesso ponderale. Dall’indagine emerge anche che il 19,5% dei bambini risulta non attivo il giorno antecedente al monitoraggio. I maschi non attivi (20,6%) sono in percentuale maggiore rispetto alle femmine (18,2%). È online il report regionale con i dati 2019 del Lazio. Leggi l’approfondimento.

 

3/6/2021 - I risultati dell’indagine 2019 in Lombardia

Nel 2019 in Lombardia hanno partecipato all’indagine il 98% delle classi prese in esame. Solo il 5% dei genitori ha rifiutato la misurazione dei propri figli. Questo dato evidenzia una buona gestione della comunicazione tra ATS, scuola e genitori. Dai dati emerge che tra i bambini lombardi lo 0,7% risulta in condizioni di obesità grave, il 4% obeso, il 17,6% sovrappeso. La maggioranza del campione, pari al 75,4%, è normopeso e il 2,3% sottopeso. Dal monitoraggio del 2019 emerge anche che il 17,6% dei bambini risulta non attivo il giorno antecedente all’indagine. Le femmine non attive (18,8%) sono in percentuale maggiore rispetto ai maschi (16,5%). È online il report regionale con i dati 2019 della Lombardia. Leggi l’approfondimento.

 

27/5/2021 - OKkio alla SALUTE: i risultati dell’indagine 2019 in Veneto

Nel 2019, in Veneto, l’1% dei bambini intervistati risulta in condizioni di obesità grave, il 5% risulta obeso, il 19% sovrappeso, il 73% normopeso e l’1% sottopeso. Dall’indagine emerge anche che il 50% delle madri di bambini sovrappeso e il 10% delle madri di figli obesi pensa che il proprio bambino sia in realtà normopeso o sottopeso. Di contro il 24% delle madri di bambini in sovrappeso e il 48% di figli obesi ritiene che il proprio bambino mangi troppo. È online il report regionale con i dati 2019 del Veneto. Leggi l’approfondimento.

 

13/5/2021 - Sorveglianza pediatrica COSI: i dati 2015-17

È online il rapporto finale sulla quarta raccolta dati di COSI (Childhood Obesity Surveillance Initiative) effettuata nelle scuole primarie di 36 Stati nel periodo 2015-17. In generale la prevalenza dell’eccesso ponderale (che include sovrappeso e obesità) era del 29% tra i bambini e del 27% tra le bambine di 7-9 anni; l’obesità interessava il 13% dei bambini e il 9% delle bambine. Per i dettagli nazionali vai alla pagina dedicata.

 

1/4/2021 - OKkio alla SALUTE: i risultati dell’indagine 2019 in Campania

Nel 2019 in Campania hanno partecipato all’indagine il 96,3% delle scuole e il 96,9% delle classi, 206 plessi scolastici su 214 e 222 classi su 229 rispettivamente campionate. Solo il 6,6% dei genitori ha rifiutato la misurazione dei propri figli, dato che sottolinea una buona gestione della comunicazione tra ASL, scuola e genitori. È online il report regionale con i dati 2019 della Campania. Leggi l’approfondimento.

 

18/3/2021 - Salute dei bambini europei: i dati della Sorveglianza di popolazione COSI

In Europa, ogni giorno, il 78,8% dei bambini tra i sei e i nove anni fa la colazione, il 42,5% consuma frutta fresca e il 22,6% consuma verdura. Il 50% si reca a scuola a piedi o in bici e il 60,2% trascorre meno di due ore al giorno di fronte a un dispositivo elettronico. Sono alcuni dei dati che emergono dalle nuove fact sheet pubblicate dall’OMS Europa sulla base dei dati 2015-17 della Sorveglianza pediatrica COSI. Leggi di più nell’approfondimento.

 

11/3/2021 - OKkio alla SALUTE: i risultati dell’indagine 2019 in Toscana

Il 25,8% dei bambini toscani presenta un eccesso ponderale, solo il 62,4% dei bambini fa una colazione qualitativamente adeguata e solo il 21,4% dei bambini consuma la frutta 2-3 volte al giorno. Sono alcuni dei dati che emergono dall’indagine 2019 di OKkio alla Salute in Toscana. Per quanto riguarda il tempo dedicato ai giochi di movimento, in Toscana, 2 bambini circa su 10 (23,6%) fanno almeno un’ora di attività per 2 giorni alla settimana, il 7% circa neanche un giorno e il 30% da 5 a 7 giorni a settimana. Nei giorni di scuola i genitori riferiscono che il 58,9% dei bambini guarda la TV o usa videogiochi/tablet/cellulare da 0 a 2 ore al giorno, mentre il 36,7% è esposto quotidianamente alla TV o ai videogiochi/tablet/cellulare da 3 a 4 ore e il 4,4% per almeno 5 ore. Leggi l’approfondimento.

 

25/2/2021 - OKkio alla SALUTE: i risultati dell’indagine 2019 nella PA di Bolzano

Dal confronto con i dati nazionali e delle altre Regioni, la PA di Bolzano ha valori di sovrappeso e obesità inferiori a quelli nazionali, ed è al secondo posto tra quelle con i dati più bassi. Tuttavia, solo il 60,3% dei bambini fa una colazione qualitativamente adeguata, solo il 39,9% consuma una merenda adeguata di metà mattina, che solo il 18,4% dei bambini consuma la frutta 2-3 volte al giorno (il 27,7% una sola volta al giorno). Per approfondire vai alla pagina dedicata.

 

18/2/2021 - Indagine 2019: i dati dell’Emilia-Romagna

È online il rapporto di OKkio alla Salute con i dati dell’Emilia-Romagna. Tra i 5370 bambini partecipanti: l’1,6% risulta in condizioni di obesità grave, il 5,6% obeso, il 19,2% sovrappeso, il 72,4% normopeso e l’1,2% sottopeso; il 16% dei bambini risultava non attivo il giorno antecedente all’intervista e il 24%, nella mattina dell’indagine, ha riferito di essersi recato a scuola a piedi o in bicicletta/monopattino/pattini. Per approfondire vai alla pagina dedicata.

 

18/2/2021 - Friuli Venezia Giulia: un’indagine sulle persone in eccesso ponderale

È online un’analisi sulle abitudini alimentari e il profilo di salute delle persone in eccesso ponderale residenti in Regione, ottenuta grazie ai dati raccolti dalle sorveglianze di popolazione OKkio alla Salute (bambini 8-9 anni), HBSC (ragazzi di 11, 13 e 15 anni), PASSI (18-69enni) e PASSI d’Argento (ultra 65enni). In Friuli Venezia Giulia l’eccesso ponderale riguarda il 26% dei bambini (il 19% è in sovrappeso, il 7% è obeso e l'1,7% ha un'obesità grave), il 16% dei ragazzi di 11-15 anni (il 14% è in sovrappeso e il 2% obeso), il 41% degli adulti (il 31% è in sovrappeso e il 10% obeso) e il 54% degli ultra 65enni (il 39% è in sovrappeso e il 15% obeso). Scarica “Abitudini alimentari e profilo di salute delle persone in eccesso ponderale residenti in Friuli Venezia Giulia: i dati 2016-2019 dei Sistemi di Sorveglianza” (pdf 737 kb) per i dettagli sulle abitudini alimentari, la percezione del peso e la salute delle persone in eccesso ponderale, l’atteggiamento degli operatori sanitari e gli spunti per l’azione.

 

11/2/2021 - Indagine 2019: i dati del Friuli Venezia Giulia

Nel 2019 in Friuli Venezia Giulia hanno partecipato all’indagine il 100% delle scuole e il 100% delle classi sui 65 plessi scolastici e sulle 69 classi rispettivamente campionate. Solo il 5% dei genitori ha rifiutato la misurazione dei propri figli. Tale dato evidenzia una buona gestione della comunicazione tra ASL, scuola e genitori. Consulta l’approfondimento.

 

28/1/2021 - I risultati dell’indagine 2019 in Abruzzo

Continua la pubblicazione dei report regionali dell’indagine 2019. Online i dati dell’Abruzzo dove hanno partecipato all’indagine il 100% delle scuole e il 100% delle classi sui 63 plessi scolastici e sulle 69 classi rispettivamente campionate. Leggi l’approfondimento.

 

14/1/2021 - I risultati dell’indagine 2019 in Calabria

Con la pubblicazione del report regionale della Calabria si avvia la disseminazione dei risultati dell’indagine 2019 nelle Regioni. In Calabria hanno partecipato il 100% delle scuole e il 100% delle classi sui 133 plessi scolastici e sulle 156 classi rispettivamente campionate. Leggi l’approfondimento.