ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Long COVID: una nuova sfida per la medicina di genere?

Alcune persone che hanno avuto una forma di malattia COVID-19 da severa a moderata o lieve possono soffrire di sintomi variabili e debilitanti per molti mesi dopo l'infezione iniziale. Una situazione che, seppur priva di definizione esatta, viene chiamata “Long COVID”.

 

Negli adulti la condizione presenta delle somiglianze con le sindromi post-infettive che hanno seguito i focolai di Chikungunya ed Ebola ed è caratterizzata da sequele a lungo termine, persistenti per più di due mesi dopo il tipico periodo di convalescenza da COVID-19. Tra i sintomi: stanchezza persistente, mal di testa, mancanza di respiro, anosmia (perdita dell’olfatto), debolezza muscolare, febbre, disfunzione cognitiva (brain fog), tachicardia, disturbi intestinali e manifestazioni cutanee.

 

Il Long COVID sembra interessare anche i pazienti più piccoli, come dimostrato dallo studio condotto al Policlinico A. Gemelli di Roma su una coorte di 129 bambini con diagnosi microbiologicamente confermata di COVID-19. Il 27,1% aveva almeno un sintomo a distanza di oltre 120 giorni dalla prima diagnosi e il 20,6% aveva tre o più sintomi. I problemi più comuni erano dolori muscolari e/o articolari, cefalea, dolore toracico o sensazione di costrizione toracica, palpitazioni e disturbi del sonno.

 

Attualmente esistono pochi dati, divisi per sesso, sull’incidenza di Long COVID e solo sulla popolazione adulta. In generale, le donne sembrano avere il doppio delle probabilità di sviluppare il Long COVID, rispetto agli uomini, ma solo fino a circa 60 anni, quando il livello di rischio diventa simile. Oltre all’essere donne anche l'età avanzata e un indice di massa corporea più alto sembrano essere fattori di rischio per avere il Long COVID.

 

Quali sono i fattori responsabili di questa sindrome?

Il danno d’organo causato da un’eccessiva risposta infiammatoria attivata dal virus, ma anche una reazione autoimmune indotta dal virus stesso potrebbero essere responsabili dei sintomi del Long COVID. Infatti, il virus potrebbe presentare alcune similitudini con componenti dell’organismo (fenomeno noto come mimetismo molecolare) e far quindi generare anticorpi che possono reagire anche contro i nostri organi o tessuti provocando le manifestazioni cliniche descritte.

 

L’ipotesi autoimmune potrebbe giustificare la più elevata incidenza di questa sindrome nel sesso femminile. Infatti, la risposta immune sia per fattori genetici che ormonali è più forte nelle donne rispetto agli uomini e questo rappresenta un’arma a doppio taglio: l’outcome del COVID-19 acuto è più severo nel sesso maschile ma le reazioni autoimmuni sono più frequenti nel sesso femminile. Lo studio della comparsa di autoanticorpi nel siero dei pazienti e la caratterizzazione della specificità di tali autoanticorpi potrebbero essere un importante obiettivo per cominciare a identificare trattamenti personalizzati e specifici anche in base al sesso dei pazienti affetti da Long COVID.

 

Riferimenti bibliografici

  • Dennis, A. et al. Multi-organ impairment in low-risk individuals with Long COVID. Preprint at medRxiv https://doi.org/10.1101/2020.10.14.20212555 (2020).
  • Guillot, X., Ribera, A. & Gasque, P. Chikungunya-induced arthritis in Reunion Island: a Long-term observational follow-up study showing frequently persistent joint symptoms, some cases of persistent chikungunya immunoglobulin M positivity, and no anticyclic citrullinated peptide seroconversion after 13 years. J. Infect. Dis. 222, 1740–1744 (2020).
  • Clark, D. V. et al. Long-term sequelae after Ebola virus disease in Bundibugyo, Uganda: a retrospective cohort study. Lancet Infect. Dis. 15, 905–912 (2015).
  • Sudre, C.H. et al. Attributes and predictors of Long-COVID: analysis of COVID cases and their symptoms collected by the Covid Symptoms Study App. Preprint at medRxiv https://doi.org/10.1101/2020.10.19.20214494 (2020).
  • Ludvigsson, J. F. Case report and systematic review suggest that children may experience similar Long-term effects to adults after clinical COVID-19. Acta Paediatr. https://doi.org/10.1111/apa.15673 (2020).
  • Buonsenso, D., et al. Preliminary Evidence on Long COVID in children. Preprint at medRxiv https://doi.org/10.1101/2021.01.23.21250375 (2021).
  • Dupuis, M.L., et al. Immune response and autoimmune diseases: a matter of sex. Ital J Gender-Specific Med; 5(1):11-20 (2019).
  • Brodin P. Immune determinants of COVID-19 disease presentation and severity. Nature Medicine; 2021;27(1):28-33 (2021).

 

Data di creazione della pagina: 11 febbraio 2021

Testo scritto da: Elena Ortona¹ Danilo Buonsenso², e Walter Malorni³
¹ Centro di riferimento di Medicina di Genere, Istituto Superiore di Sanità, Roma
² Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino e di Sanità Pubblica della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma
³ Centro per la Salute Globale, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma