L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Alcoldipendenza e COVID-19: ansia

È nella natura umana preoccuparsi e, di fronte all’ignoto, anche le persone più solide possono attraversare momenti di stress e ansia, avere paura per sé stessi e i propri cari. Per chi si trova anche a lottare con l’alcol, l’ansia può essere un effetto collaterale del disturbo, aumentando ulteriormente la sensazione di disagio. Gli studi dimostrano che esiste una chiara relazione tra ansia e alcoldipendenza. Sia il consumo prolungato di alcol che la sua sospensione sono associati a una maggiore incidenza di ansia. (per approfondire leggi Substance Abuse and Mental Health Services Administration. (2005). Substance Abuse Treatment for Persons With Co-Occurring Disorders. Treatment Improvement Protocol (TIP) Series, No. 42). Inoltre, le persone con disturbo d’ansia generalizzata, o disturbi di panico, provano a tenerne sotto controllo la sintomatologia assumendo bevande alcoliche, con il rischio di sviluppare anche disturbi a uso di alcol (Alcohol Use Disorders - AUDs) (per approfondire leggi: Robinson, J., Sareen, J., Cox, B., & Bolton, J. (2009). Self-Medication of Anxiety Disorders with Alcohol and Drugs: Results from a Nationally Representative Sample. Journal of Anxiety Disorders, 23 (1), 38–45 - Robinson, J., Sareen, J., Cox, B., & Bolton, J. (2011). Role of Self-medication in the Development of Comorbid Anxiety and Substance Use Disorders: A Longitudinal Investigation. Archives of General Psychiatry, 68(8), 800-807).

 

Per combattere l’ansia può essere utile stare lontano dai social media o limitare la quantità di tempo giornaliero dedicato all’informazione. Essere proattivi sulla propria salute mentale può aiutare a ridurre i fattori che potrebbero mantenere un costante stato di preoccupazione. La minaccia di COVID-19 è reale, ma anche la salute mentale dovrebbe essere una priorità: per questo motivo è importante uscire (nei limiti del possibile), fare attività fisica, ascoltare musica, parlare con amici e parenti, mangiare in modo equilibrato. Inoltre, per la salute mentale è fondamentale dormire bene, almeno 8 ore a notte, e in modo regolare. L’alcol interferisce con le fasi del sonno e non permette un vero riposo, aumentando anche per questo l’ansia e lo stress (per approfondire leggi l’articolo Alcohol Disrupts Sleep Homeostasis).

 

Data di pubblicazione: 30 aprile 2020

Autori: Silvia Ghirini, Alice Matone, Claudia Gandin, Riccardo Scipione ed Emanuele Scafato, Osservatorio Nazionale Alcol - Centro Nazionale Dipendenze e Doping - ISS