Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità

Antibiotico-resistenza

AR-ISS: Rapporto N.1 - I dati 2018

Klebsiella pneumoniae

 

In Italia, dopo un periodo di sostanziale stabilità, negli ultimi due anni, è stata osservata una diminuzione significativa nella percentuale di isolati di K. pneumoniae resistenti a carbapenemi (dal 36,7% nel 2016 al 30,0% nel 2018) e aminoglicosidi (dal 43,5% nel 2016 al 35,5% nel 2018), mentre la resistenza alle cefalosporine di terza generazione e ai fluorochinoloni si è mantenuta piuttosto stabile (entrambe intorno al 53% nel 2018) (Grafico). Inoltre, la percentuale di resistenza combinata, misurata come resistenza a fluorochinoloni, cefalosporine di terza generazione e aminoglicosidi è stata del 33,2%, molto più alta della media europea (intorno al 20%).

 

*La percentuale di resistenza della Klebsiella pneumoniae ai carbapenemi in questo report riferisce ad almeno uno tra a imipenem, meropenem ed ertapenem. I criteri invece riportati da ECDC considerano resistenza soltanto a imipenem e/o meropenem, escludendo ertapenem.

 

Relativamente ai batteri Gram-negativi (Tabella), percentuali di resistenza particolarmente critiche si osservano per K. pneumoniae alle penicilline (tra il 46% e il 56%, eccetto l’ampicillina alla quale è sempre resistente), alle cefalosporine di terza generazione (52%) e ai carbapenemi (tra il 24% e il 31%).

 

Tabella - Batteri gram-negativi: profilo di antibiotico-resistenza per Klebsiella pneumoniae, Italia 2018

Classe di antibiotici Antibiotico Isolati (n) R (%) 95% IC R (%)

Penicilline

Ampicillina

2.517

99,6

99,3-99,8

Amoxicillina-Acido Clavulanico

5.227

56,2

54,8-57,5

Piperacillina-Tazobactam

5.751

45,6

44,3-46,9

Cefalosporine III generazione

Cefotaxime

5.225

52,5

51,2-53,9

Ceftazidime

5.786

52,2

50,1-53,4

Carbapenemi

Imipenem

4.237

24,4

23,1-25,7

Meropenem

5.634

26,3

25,2-27,5

Ertapenem

4.634

31,3

29,9-32,6

Aminoglicosidi

Amikacina

5.628

14,0

13,1-14,9

Gentamicina

5.694

27,0

25,8-28,1

Fluorochinoloni

Ciprofloxacina

5.731

52,5

51,2-53,8

R=resistenza; IC=intervallo di confidenza

 

*Le classi di intensità di resistenza sono identificate in base ai quartili della distribuzione nazionale

**La percentuale di resistenza della Klebsiella pneumoniae ai carbapenemi in questo report si riferisce alla resistenza ad almeno un antibiotico tra imipenem, meropenem ed ertapenem. La percentuale di resistenza quindi può risultare più elevata rispetto a quella riportata nella sorveglianza EARS-Net (ECDC) che considera la resistenza soltanto a imipenem e/o meropenem, escludendo ertapenem.

 

K. pneumoniae è un patogeno opportunista che normalmente colonizza l’apparato gastrointestinale umano, la cute e il tratto respiratorio superiore. La maggior parte delle infezioni causate da K. pneumoniae sono ospedaliere e includono principalmente infezioni dell’apparato respiratorio e batteriemie associate a un’alta mortalità. Nel tempo K. pneumoniae ha sviluppato resistenza a diverse classi di antibiotici, limitando così le opzioni terapeutiche disponibili. La produzione di beta-lattamasi di classe A rende il batterio intrinsecamente resistente alle penicilline e alle cefalosporine a spettro ristretto. Negli ultimi anni la produzione di ESBL capaci di rendere inefficaci i beta-lattamici ad ampio spettro, incluse le cefalosporine di terza generazione, ha aumentato il ricorso ai carbapenemi e quindi favorito la rapida diffusione delle resistenze a quest’ultima classe di antibiotici. La resistenza ai carbapenemi rappresenta oggi un rilevante problema di sanità pubblica e spesso insorge in ceppi già resistenti ad altre classi di antibiotici, quali beta-lattamici, cefalosporine di terza o quarta generazione e fluorochinoloni.

 

Data di creazione della pagina: 14 novembre 2019

Revisione a cura di: Stefania Bellino, Fortunato "Paolo" D'Ancona, Simone Iacchini, Monica Monaco, Annalisa Pantosti e Patrizio Pezzotti - Dipartimento malattie infettive ISS; Stefania Iannazzo - ministero della Salute

TOP