Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità

Vaccini e vaccinazioni

Vaccino tetravalente per morbillo, parotite, rosolia e varicella (MPRV): reazioni avverse e rischi correlati alle malattie

Il vaccino MPRV è indicato per l’immunizzazione attiva contro morbillo, parotite, rosolia e varicella nei bambini a partire dagli 11 mesi fino ai 12 anni di età compresi.

Le controindicazioni e precauzioni alla vaccinazione sono riportate nella Guida alle controindicazioni alla vaccinazione.

 

La maggior parte delle persone che si vaccina non presenta reazioni avverse. Tuttavia, i vaccini, come tutti i farmaci, non sono esenti da rischi potenziali, e, seppur raramente, possono verificarsi reazioni avverse a seguito della vaccinazione. Generalmente queste sono di lieve entità e si risolvono spontaneamente in pochi giorni. Raramente possono verificarsi reazioni più gravi; tuttavia, fare la vaccinazione è molto più sicuro che contrarre la malattia.

 

Di seguito riportiamo le tabelle con la frequenza delle principali reazioni avverse al vaccino tetravalente per morbillo, parotite, rosolia e varicella (MPRV) (tabella 1) e sui rischi correlati alle malattie (tabella 2).

 

Tabella 1 - Frequenza delle principali reazioni avverse al vaccino tetravalente per morbillo, parotite, rosolia e varicella (fonte: Oms, Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni)

Febbre

2-10%

da comune a molto comune

Reazione nel sito di iniezione

7-30%

molto comune

Esantema

3-5%

comune

Gonfiore delle parotidi

1%

comune

Convulsioni febbrili (il rischio dipende dall'età e riguarda la prima dose di vaccino)*

8/10.000*

raro

Encefalomielite

1/1.000.000

molto raro

Trombocitopenia

1/30.000

molto raro

Anafilassi

1-3,5/106

molto raro

Artralgia temporanea (adulti)

25%

molto comune

Artrite acuta (adulti)

10% (per lo più in piccole

articolazioni periferiche di donne adolescenti e adulte 7-21 giorni dopo la vaccinazione)

molto comune

*Nei bambini sotto i 4 anni di età vaccinati con la prima dose, le convulsioni febbrili sono meno frequenti quando MPR e V sono somministrati separatamente (nella stessa seduta vaccinale ma in due sedi anatomiche distinte) (circa 1 caso su 2.500). Le convulsioni febbrili si verificano raramente dopo la seconda dose di MPRV. Le convulsioni febbrili non lasciano sequele permanenti, non aumentano il rischio di epilessia o di altri disturbi neurologici né possono causare malattie neurologiche evolutive.

 

Legenda

Molto comune

>1/10

>10%

Comune

>1/100 e <1/10

>1% e <10%

Non comune

>1/1000  e  <1/100

>0,1% e <1%

Raro

>1/10.000 e  <1/1000

>0,01% e <0,1%

Molto raro

<1/10.000

<0,01%

 

Tabella 2 - Rischi correlati alle malattie morbillo, parotite, rosolia e varicella (fonte: Cdc; Oms; Oms)

Morbillo

Otite media

7-9%

Polmonite

1-6%

Diarrea

6%

Trombocitopenia

1/3.000

Encefalite

0,05-1% (di questi, 15% muore e 25% ha sequele cerebrali permanenti)

Panencefalite  sclerosante subacuta (PESS)

0,001%

Letalità

0,01- 0,1%

Parotite

Meningite asettica

10%

Pancreatite

4%

Encefalite

0,06%-0,3%

Sordità (unilaterale sensoriale)

0,007%

Orchite nei maschi (dopo la pubertà)

Fino al 38%

Ooforite nelle femmine (dopo la pubertà)

5%

Letalità

0,02%

Aborto spontaneo nel primo trimestre di gravidanza

Incidenza aumentata

Rosolia

 

Encefalite

1/5.000

Trombocitopenia transitoria

1/3000

Dolori articolari

70% nelle donne adulte

Letalità

1/30.000

Rischio di danno fetale, inclusi morte intrauterina, aborto, o malformazioni congenite (sindrome della rosolia congenita)

Fino al 90% se la rosolia è contratta da una donna nel primo trimestre della gravidanza

Data di creazione della pagina: 24 aprile 2018

Autore: Antonietta Filia, Maria Cristina Rota – Dipartimento Malattie infettive, Iss

TOP